IL MODELLO VSEPR E LA SUA EVOLUZIONE*

 

M. Chastrette, M. B. Larrouy, K. Bouraoui

 

LIRDHIST, Universite Claude Bernard – Lyon; 143 Bd du 11 Novembre 1918, F-69622 Villeurbanne

 

* Traduzione dal francese di P. Mirone

 

La modellizzazione è una parte importante dell'attività degli scienziati, che se ne servono per cercare di comprendere una realtà complessa.  Fra i numerosi modelli della chimica, il modello VSEPR (Valence Shell Electron Pair Repulsion) di Gillespie, che permette di spiegare in modo semplice la forma delle molecole, è utilizzato largamente nell’insegnamento superiore già da diversi anni e nel 1995 è entrato nel programma di chimica dell'insegnamento secondario francese.  Si potrebbe pensare che un modello così diffuso sia ben conosciuto dagli insegnanti di ogni livello e sia stato oggetto di numerosi studi, ma non sembra che le cose stiano in questo modo.

Nel presente articolo ci proponiamo di esaminare l'evoluzione storica di questo modello, dalla sua prima pubblicazione nel 1957 fino ai nostri giorni.  Cominceremo con un breve studio delle caratteristiche generali dei modelli, studio che ci porterà a scegliere quelle che ci sembreranno più utili per la nostra analisi.

 

1. Modelli e modellizzazione

 

1.1. Definizioni di modello

Il termine modello (che proviene dal latino modulus: forma, stampo) possiede numerosi significati, come si può verificare consultando i dizionari.  Noi considereremo soltanto quelli che sembrano più pertinenti al nostro studio, cioè il modello come rappresentazione e il modello come strumento.

Parecchi autori concepiscono il modello come una rappresentazione della realtà.  Secondo S. Bachelard [1] esso rappresenta le proprietà del reale, ma solamente certe proprietà.  Secondo Giordan [2] si tratta di "una costruzione ipotetica ... che presenta proprietà di autonomia, di coerenza e di pertinenza in rapporto al problema trattato e che è il prodotto di un procedimento di riduzione".

 

Generalmente la costruzione di un modello è strettamente legata all'uso dell'analogia; secondo Gineste e Indurkhya [3] "l'analogia interviene nell'edificazione di modelli (mentali?) di oggetti, di fenomeni o di concetti poco familiari partendo da oggetti, fenomeni o concetti noti".  Per illustrare questo punto, gli autori citano la costruzione della struttura planetaria dell'atomo di Bohr per proiezione della struttura del sistema solare, proposta da Schumacher e Gentner [4].  Anche se l'analogia permette di mobilitare delle conoscenze precedenti proiettando relazioni del dominio noto sul dominio ignoto, le analogie non devono essere confuse con i modelli.

 

Fourez [5] suggerisce che "i modelli scientifici possono essere visti non come rappresentazioni del mondo ma come rappresentazioni del nostro campo d'azione sul mondo".

Walliser [6] definisce il modello come una rappresentazione di un sistema reale, "sia mentale che fisica, espressa in forma verbale, grafica o matematica".  Egli considera il processo di modellizzazione come un processo a spirale, nel quale il modello è creato tra campo teorico e campo empirico.

Altri autori considerano il modello come uno strumento.  Così secondo Legay [7] "un modello non è la realtà, ma è lo strumento della realtà".  Parimente, per Robardet e Guillaud [8] "un modello è uno strumento teorico funzionale che permette operazioni di interpretazione e di previsione su certe porzioni limitate della realtà sperimentale ... "

 

1.2. Caratteristiche dei modelli

Un modello è costruito su ipotesi formanti un quadro teorico (Arsac e Tiberghien [9]) senza il quale esso non avrebbe senso.  In confronto a una teoria, un modello opera soltanto su una parte più limitata, più localizzata, della realtà empirica.  Un modello è applicabile in un numero limitato di situazioni, il cui insieme definisce il suo campo empirico (o campo sperimentale di riferimento).  La costruzione di un modello, cioè di un mediatore tra teoria e realtà, avviene progressivamente ed è il risultato di numerosi passaggi dal quadro teorico al campo empirico e viceversa.

Nella sua classificazione dei modelli, Walliser [6] distingue diverse funzioni, fra cui la funzione cognitiva (modelli esplicativi e descrittivi), la funzione predittiva (modelli di simulazione e di previsione), la funzione decisionale (modelli di ottimizzazione e di decisione) e la funzione normativa (modelli che danno una rappresentazione ideale di un sistema).

 

La validazione di un modello è strettamente legata alla scelta fatta riguardo alla sua natura.  Per Walliser [6] il modello è validato sottoponendolo sia a dei controlli esterni atti a mettere in evidenza i suoi punti sensibili quando è messo alla prova della sperimentazione in diverse situazioni, sia a dei controlli interni relativi alla sua organizzazione e alla sua coerenza.

 

Secondo Legay [7], che considera il modello come uno strumento, la validazione si basa su un insieme di criteri quali la semplicità, la stabilità, la fecondità, la non contraddizione con l'esperienza, ecc.  Quindi l'adeguatezza ai fatti sperimentali è solo uno dei criteri di validazione, certamente necessario ma non sufficiente.

Fra queste caratteristiche, noi ci riferiremo principalmente, per la nostra analisi del modello VSEPR, alle ipotesi teoriche, alla validazione e al campo di applicazione del modello.

 

2. Il modello VSEPR

Dopo la sua nascita il modello VSEPR è stato sviluppato, a intervalli non regolari, in una serie di pubblicazioni ben note alla comunità scientifica.  Inoltre R. Gillespie, il cui interesse per l'insegnamento è ben conosciuto, si è preoccupato a più riprese di presentare agli insegnanti delle sintesi dei suoi lavori di ricerca.

Data una molecola AXmEn in cui l' atomo centrale A è circondato da m coppie di elettroni legate ad atomi o gruppi X e da n coppie di elettroni non leganti, il modello si propone di spiegare la forma di tale molecola, vale a dire i valori degli angoli fra i legami e, secondariamente, delle lunghezze di legame. 

Per comodità distingueremo, alquanto arbitrariamente, diversi periodi nel corso dell'evoluzione del modello.

 

2.1. Primo periodo (1957-1970)

La prima comparsa del modello risale al 1957 con un articolo [10] di Gillespie e Nyholm intitolato Inorganic Stereochemistry.  Una serie di ulteriori pubblicazioni [11-17] è coronata da due articoli sul Joumal of Chemical Education [18, 19] che presentano il modello agli insegnanti sotto il nome di teoria VSEPR, e da una rassegna su Angewandte Chemie [20] destinata ai ricercatori.  Ricordiamo che Bent [21-26] ha sviluppato fra il 1963 e il 1968 un modello a sfere tangenti che presenta delle analogie col modello VSEPR ma si è rivelato di uso poco comodo.

A partire dagli anni 70 il modello VSEPR è stato adottato dagli autori di testi universitari come complemento o in sostituzione della teoria degli orbita li ibridi.

 

2.1.l. Quadro teorico del modello

Durante questo periodo le ipotesi riguardanti l'importanza della repulsione fra le coppie elettroniche restano immutate fin dalla prima formulazione, ma le ipotesi sulla natura della repulsione sono ancora fluttuanti.

Si ammette che: i) una coppia non legante respinga le altre coppie elettroniche più fortemente di una coppia legante, ii) un legame doppio respinga le altre coppie elettroniche più fortemente di un legame semplice e iii) la repulsione fra coppie leganti dipenda dall'elettronegatività del legando e diminuisca all'aumentare di questa.  Queste ipotesi si basano implicitamente sull'esistenza di coppie localizzate e sul fatto che le interazioni fra i legandi sono deboli rispetto a quelle fra le coppie elettroniche.

 

Il primo abbozzo del modello VSEPR è una continuazione dei lavori di Sidgwick e Powell [27] sulla disposizione nello spazio dei legami delle molecole covalenti.  Secondo Gillespie e Nyholm [10] la forma delle molecole è determinata dalla tendenza delle coppie elettroniche del guscio di valenza ad allontanarsi il più possibile le une dalle altre, principalmente a causa della repulsione elettrostatica.  Pur riconoscendo il ruolo del principio di esclusione di Pauli, gli autori ritengono che, se le coppie elettroniche sono descritte da orbitali opportunamente localizzati, l'energia di interazione sia in larga misura elettrostatica (p. 380).  Nel 1960 Gillespie [11] propone una spiegazione della forma delle molecole supponendo due tipi di interazione: "Queste disposizioni sono la conseguenza delle mutue interazioni degli elettroni del guscio di va lenza dovute a: i) le repulsioni elettrostatiche, e ii) il principio di esclusione di Pauli, per effetto del quale elettroni dello stesso spin tendono a stare il più possibile lontani mentre elettroni di spin opposto tendono ad avvicinarsi " (p. 818).

A partire dal 1963 viene attribuita una prevalenza sempre più netta al principio di esclusione di Pauli, che infine sarà mantenuto come unica spiegazione.

 

2.1.2. Campo di applicazione del modello

Gillespie e Nyholm [10] cercano di spiegare e di prevedere le forme delle molecole AXn dei gruppi principali del sistema periodico e degli ioni complessi dei metalli di transizione, con numeri di coordinazione che possono giungere fino a nove.  Le molecole pentacoordinate con legandi non equivalenti presentano difficoltà e richiedono un'analisi particolare, in quanto le posizioni definite dalla bipiramide trigonale non sono equivalenti.  Gli autori concludono che è possibile comprendere dettagliatamente la forma degli ioni dei metalli di transizione (p. 380).

Nel 1960 Gillespie [1l] estende le regole elaborate nel 1957 interessandosi principalmente alle coordinazioni sette, otto e nove nel caso di coppie elettroniche equivalenti.  Nel 1967 egli chiude un articolo di rassegna [20] enumerando alcune eccezioni al suo modello (si tratta degli ioni SeX62– e TeX62–  con X = Cl, Br, I e delle molecole (p-CH3C6H4)2SeBr2, (p-CH3C6H4)2SeCl2 e (C6H5)2TeBr2.  Queste eccezioni sono spiegate ammettendo che in questi casi il fattore dominante non sia l'interazione fra coppie elettroniche ma 1'interazione fra legandi.

 

2.1.3. Validazione del modello

In un primo tempo Gillespie [1l] parla di una doppia validazione.  La validazione teorica si basa sul calcolo del minimo delle interazioni repulsive.  La validazione sperimentale si basa sull'accordo tra le previsioni e i risultati sperimentali.  In un articolo [15] pubblicato successivamente egli cita, oltre ai due precedenti, un terzo criterio di validazione, consistente nel confronto tra la sua teoria e quella degli orbitali ibridi e nella dimostrazione che la prima funziona meglio: "essa fornisce una rappresentazione coerente e qualitativamente corretta, e permette di comprendere i dettagli della struttura di molte molecole meglio di quanto lo faccia la teoria corrente basata sugli orbitali ibridi" (p. 2499).

 

Negli articoli dedicati agli insegnanti Gillespie [18, 19] presenta il suo modello chiamandolo per la prima volta, ne11963, teoria VSEPR.  Egli stabilisce i limiti di applicabilità del modello alla forma delle molecole degli elementi dei gruppi principali e degli elementi di transizione aventi configurazioni elettroniche simmetriche (d0, d5, d10).  Utilizza tutto l'arsenale dei criteri di validazione, compresa una validazione "per estensione" in cui un enunciato viene validato in quanto è ottenuto per estensione di un altro enunciato già validato (p. 298).  Il principio di esclusione di Pauli è l'unico argomento mantenuto per giustificare la forma delle molecole.

 

2.2. Secondo periodo (1970-1974): la polemica con Drago

 

2.2.1. Critiche di Drago

Drago [28] accusa il modello VSEPR di semplificare eccessivamente i fattori che influiscono sulla forma delle molecole e di tener conto solamente del principio di esclusione di Pauli.  Inoltre egli attacca il modello sul versante della sua validazione empirica ponendo l'accento sulle eccezioni alle previsioni di Gillespie. Egli scrive: "Inoltre la valutazione delle interazioni elettrone-elettrone non è semplice; nel modello VSEPR essa è priva di basi, per esempio non vengono mai valutati gli integrali e2/rij per le differenti strutture" (p. 244 ).

 

Si deve notare che Drago critica il modello sopratutto perché pensa che esso non dovrebbe essere insegnato in quanto potrebbe indurre in errore gli studenti principianti.  Egli propone il proprio metodo di previsione delle geometrie molecolari, fondato unicamente su regole empiriche: in assenza di coppie libere la geometria dipende dal numero dei gruppi; se sull'atomo centrale ci sono coppie libere, queste contano o no come un gruppo a seconda della natura dei gruppi legati,

Drago [28] introduce un criterio di validazione basato sulle pratiche di riferimento appellandosi alle abitudini dei chimici: "Io credo che se si mette un chimico di fronte a una molecola completamente nuova e gli si chiede di predire la sua struttura, nelle maggior parte dei casi egli (1) scriverà la formula di Lewis (2) penserà a un composto analogo di cui conosce la struttura (3) predirà la nuova struttura per analogia con quella nota.  È un inganno far credere a una matricola qualcosa di diverso".

 

2.2.2 Risposta di Gillespie

Rispondendo a queste critiche Gillespie [29] non riprende tutta la sua argomentazione, ma si limita a ricordare che il modello VSEPR è fondato in larga misura sul principio di Pauli, il quale è sufficiente a spiegare e prevedere in maniera soddisfacente la forma delle molecole.  Tuttavia egli riconosce che, per evitare di dare la falsa impressione che la teoria VSEPR sia una teoria elettrostatica classica, è preferibile mettere l'accento sulle dimensioni (ingombro) delle coppie elettroniche piuttosto che sull'intensità delle repulsioni tra le diverse coppie come nelle prime versioni della teoria.  Gillespie non specifica il campo di applicabilità del modello, ma riprende gli esempi citati da Drago e dimostra che le eccezioni sono soltanto apparenti.  Per quanto riguarda la validazione del modello, egli osserva che la teoria VSEPR è una teoria qualitativa ma fondata solidamente sulla meccanica quantistica.  Inoltre, pur riconoscendo che essa non è adeguata per una previsione accurata degli angoli di legame in alcuni tipi di molecole, egli fa uso di un criterio di validazione comparativa molto meno classico.  Infatti, dopo aver svolto delle considerazioni su ciò che dev'essere una buona teoria, Gillespie confronta il suo modello con le regole di Drago e anche con la teoria degli orbitali ibridi: "... la teoria VSEPR è una teoria semplice, utile nella previsione della geometria molecolare e in particolare funziona meglio, è fondata su basi più solide ed è intellettualmente più soddisfacente sia delle regole empiriche di Drago che della teoria degli orbitali ibridi." (p. 310).

 

Si noterà che, nel testo della sua replica a Drago, Gillespie parla della teoria VSEPR, mentre utilizza il termine modello nel titolo dell'articolo.  Dopo questa polemica ognuno rimane sulle sue posizioni e il modello VSEPR continua la sua brillante carriera nei libri di testo (non in quelli italiani. N.d.T.).  Non risulta che Gillespie abbia pubblicato altri articoli sull'argomento prima del 1988, cioè per 14 anni.

 

2.3. Terzo periodo: dopo il 1988

L'avvio del terzo periodo è rappresentato da un articolo di Bader et al. [30] riguardante la distribuzione delle concentrazioni di carica e le sue conseguenze sulla geometria delle molecole e sulla loro reattività.  Tale distribuzione è ricavata mediante il calcolo del Laplaciano della densità di carica, il quale mostra l'esistenza di addensamenti locali della carica elettronica nelle regioni leganti e non leganti di un atomo in una molecola.

 

Il numero, la localizzazione e le dimensioni relative delle regioni di addensamento della carica nel guscio di valenza di un atomo legato, determinate in questo modo, sono in eccellente accordo generale con le corrispondenti proprietà attribuite alle coppie elettroniche leganti e non leganti dal modello VSEPR.  Questo articolo è seguito nel 1988 da una pubblicazione in comune di Bader, Gillespie e MacDougall [31] che apre delle interessanti prospettive.  Viene proposta una nuova via al modello VSEPR, basata sul calcolo del Laplaciano della distribuzione di carica e sui domini di probabilità di presenza dell'elettrone:

"È chiaro che tutti i postulati del modello VSEPR, compreso l 'effetto del principio di Pauli sulla disposizione più probabile delle coppie elettroniche. trovano una corrispondenza nelle proprietà della concentrazione di carica del guscio di va lenza dell'atomo centrale.  La conoscenza di queste proprietà può essere utilizzata per prevedere le geometrie molecolari secondo un modello VSEPR modificato (sottolineatura nostra) che richiede un unico postulato, cioè che la geometria più stabile di una molecola è quella che rende massime le separazioni fra i massimi locali della concentrazione di carica del guscio di va lenza dell'atomo centrale.  Tutti gli altri aspetti del modello VSEPR sono ora solidamente collegati alla teoria e alle proprietà fisiche delle densità di carica e dei doppietti di un sistema molecolare" (p. 7336).

 

Il cambiamento principale, rispetto alle idee sostenute fino a quel momento nel modello VSEPR, consiste nel considerare non più le coppie elettroniche localizzate, ma i domini di occupazione spaziale delle coppie stesse.  Le ipotesi riguardano ora la forma e le dimensioni dei domini delle coppie elettroniche: i) il dominio occupato da una coppia non legante è più ampio di quello occupato da una coppia legante, ii) i legami multipli hanno un dominio di occupazione più grande di quello dei legami semplici e iii) la forma e le dimensioni del dominio occupato da una coppia legante variano con l'elettronegatività del legando X (le dimensioni aumentano al diminuire dell'elettronegatività di X).  La nozione di spazio occupato dagli elettroni era apparsa esplicitamente [13] per la prima volta nel 1960 (p. 819) ma non era stata ulteriormente sviluppata.

 

Si noterà che il modello VSEPR, che aveva il rango di teoria nella risposta a Drago, riprende ora il rango di modello. Infatti la base teorica ha un aspetto imbarazzante, e gli autori [31] non mancano di segnalare che l'esistenza di addensamenti locali di carica in una distribuzione determinata mediante il Laplaciano non è equivalente alla reale esistenza di coppie elettroniche localizzate, dato che in generale gli elettroni di valenza non sono localizzati nello spazio.

 

Il modello VSEPR può contare ormai su una tripla validazione: una validazione teorica basata sulla meccanica quantistica cioè sul calcolo del Laplaciano della distribuzione della carica elettronica, una validazione sperimentale basata sulla predizione del- la geometria della quasi totalità delle molecole degli elementi compresi quelli di transizione, e infine una validazione "per difetto" poiché nessun'altra teoria dà risultati più soddisfacenti da un punto di vista sia qualitativo che quantitativo.

 

Questo nuovo approccio permette di estendere il campo di applicabilità del modello agli elementi di transizione, senza che sia necessario ricorrere alla teoria dei legandi.  Nel 1994 Gillespie et al. [32] studiano mediante il Laplaciano certe molecole considerate come eccezioni al modello VSEPR: per esempio AF4E (A = P, S, Cl e E = coppia non legante), YSF4 (Y = O, NH, CH2).  Nel 1995 Bytheway et al. [33] estendono il campo di applicazione ai difluoruri e diidruri degli elementi alcalino-terrosi includendo gli elettroni del nòcciolo nell'analisi della distribuzione di carica.  Altre importanti estensioni sono state realizzate più di recente [34-36].

 

Nel 1992 Gillespie [37] espone la nuova versione del suo modello in un articolo di rassegna intitolato "VSEPR Model Revisited" in cui riconosce (p. 61) che l'acronimo VSEPD (Valence Shell Electron Pair Domain) sarebbe più appropriato di VSEPR.  In una serie di articoli destinati agli insegnanti [38-40] egli analizza le difficoltà degli studenti di fronte alla teoria degli orbitali ibridi e mostra i vantaggi del modello VSEPR per una descrizione approssimata della forma delle molecole.  Egli presenta il modello dei domini elettronici come un'introduzione (e non come un sostituto) allo studio ulteriore dei modelli degli orbitali molecolari e del legame di valenza, introduzione più accessibile e meglio fondata dell'approccio tradizionale.

 

3. Conclusioni

Nel corso di una quarantina d'anni l' evoluzione del modello VSEPR è stata considerevole.  Le basi teoriche si sono sviluppate da una concezione in larga misura elettrostatica della repulsione a una spiegazione fondata sul principio di esclusione di Pauli.  Recentemente la base teorica si è fortemente consolidata grazie al calcolo teorico delle concentrazioni di carica nel guscio di valenza, che conferma in maniera impressionante le ipotesi del modello VSEPR.  Ormai conviene mettere l'accento sulla forma e le dimensioni dei domini elettronici piuttosto che sulle repulsioni tra coppie elettroniche.

Attualmente il campo di applicabilità continua ad allargarsi grazie al calcolo del Laplaciano di molecole complesse e all'introduzione di concetti nuovi, come per esempio quello di distorsione del nòcciolo.

 

I criteri di validazione si sono anch'essi modificati.  La validazione teorica, che durante il primo periodo si fondava sul principio di Pauli, ora si basa sul calcolo del Laplaciano.  La validazione empirica non pone più seri problemi poiché le eccezioni citate dai critici del modello sono state spiegate in una serie di recenti pubblicazioni.  La validazione comparativa, nata dalla controversia con Drago, ha perso molta della sua importanza.

 

R. Gillespie, che ha sempre manifestato un grande interesse per l'insegnamento, ha messo a disposizione degli insegnanti un modello di ampia portata pedagogica e vari aggiornamenti sugli sviluppi della ricerca.  A giusto titolo egli ritiene che il modello VSEPR modificato permetta una descrizione semplice della forma delle molecole e rappresenti un' eccellente introduzione a uno studio più approfondito del- la geometria molecolare.  Il modello è ampiamente utilizzato all'università ed anche nell'insegnamento secondario, ma purtroppo i programmi e i libri di testo non sempre hanno seguito la sua evoluzione e spesso sono rimasti fermi alla spiegazione elettrostatica da tempo avversata dallo stesso Gillespie.

 

Bibliografia

l. Bachelard S. Quelques aspects historiques des notions de modèles et des justifications des modèles. In: Actes du colloque Elaboration et justification des modèles. CNRS-CEA, Maloine, Paris, 1979.

2. Giordan A. Introduction. Actes du 9ième Journees Internationales sur l'Education Scientifique de Chamonix. A. Giordan & J-L Martinand (Eds.), Genève, 1987.

3. Gineste M. D., Indurkhya B. Modèles mentaux, analogie et cognition. In: M-F. Ehrlich, H. Tardieu & M. Cavazza (Eds.), Les modèles mentaux, Approche cognitive des represéntations. Masson, Paris, 1993.

4. Schumacher R. M., Gentner D. Transfer of training as analogical mapping. IEEE Transactions on Systems, Man and Cybernetics, 1988, 8, 592.

5. Fourez O. La construction des sciences. De Boeck Universite, Bruxelles, 1991.

6. Walliser B. Systèmes et modèles. Seuil, Paris, 1997.

7. Legay J. M. La méthode des modèles, état actuel de la méthode experimentale. Informatique et Biosphère, Lille, 1973

8. Robardet G., Guillaud J. C. Eléments d'epistemologie et de didactique des sciences physiques. Publication de l'IUFM de Grenoble, 1990.

9. Arsac G., Tiberghien A. Analyse des contraintes sur un contenu d'enseignement élaboré dans le cadre de la recherche en didactique. Actes du Premier Séminaire National de Recherche en Didactique des Sciences Physiques. Publication de l'IREM,Grenoble, 1991.

10. Gillespie R. J., Nyholm R. S. Inorganic Stereochemistry, Quarterly Reviews, 1957, 11, 339.

11. Gillespie R. J. Electrons Correlation and molecular Shape, Canadian Journal of Chemistry, 1960, 38, 818.

12. Gillespie R. J. Bond Angles and the Spatial Correlation of Electrons, Journal of the American Chemical Society, 1960, 82, 5978.

13. Gillespie R. J. Bond Lengths and Bond Angles in Octahedral, Trigonal-bipyramidal, and Related Molecules of the Non-transition Elements, Canadian Joumal of Chemistry, 1961, 39, 318.

14. Gillespie R. J. The Stereochemistry of Eight-co-ordination: the Nature of the Bonding in the Mo6Cl84+, Nb6Cl122+, and Related Ions, Canadian Journal of Chemistry, 1961, 39, 2336.

15. Gillespie R. J. Structure of Sulfur Tetrafluoride and Related Molecules. Journal of Chemical Physics, 1962, 37, 2498.

16. Gillespie R. J. The Stereochemistry of Five-co-ordination. Part I. Non-transition Elements, Journal of the Chemical Society, 1963, 4672.

17. Gillespie R. J. The Stereochemistry of Five-co-ordination. Part II. Transition Elements. Journal of the Chemical Society, 1963, 4679.

18. GiIlespie R. J. The Valence SheII Electrons Pair Repulsion (VSEPR) Theory of Directed Valency, Journal of Chemical Education, 1963, 40, 295.

19. Gillespie R. J. The Electron-Pair Repulsion Model for Molecular Geometry, Journal of Chemical Education, l970, 47, 18.

20. Gillespie R. J, Electron-Pair Repulsions and Molecular Shape, Angewandte Chemie, International Edition, 1967, 6, 819.

21. Bent H. A. Tangent-Sphere Models of Molecules I. Theory and construction, Journal of Chemical Education, 1963, 40, 446.

22. Bent H. A. Tangent-Sphere Models of Molecules II. Uses in teaching, Journal of Chemical Education, 1963, 40, 523.

23. Bent H. A. Tangent-Sphere Models of Molecules III. Chemical Implications of Inner-Shell Electrons, Journal of Chemical Education, 1965, 42, 303.

24. Bent H. A. Tangent-Sphere Models of Molecules IV. Estimation of Internuclear Distances – The Electronic Structure of Metals, Journal of Chemical Education, 1965, 42, 349.

25. Bent H. A. Tangent-Sphere Models of Molecules V. Alfred Werner and the Doctrine of Coordination, Journal of Chemical Education, 1967, 44, 513.

26. Bent H. A. Tangent-Sphere Models of Molecules VI. Ion-Packing Models of Covalent Compounds, Journal of Chemical Education, 1968, 45, 769.

27. Sidgwick N. V., Powell H. M. Stereochemical types and valency groups, Proceedings Royal Society, 1940, 153.

28. Drago R. S. A Criticism of the Valence Shell Electron Pair Repulsion Model as a Teaching Device, Journal of Chemical Education, 1973, 50, 244.

29. Gillespie R. J. A Defense of the Valence Shell Electron Pair Repulsion (VSEPR) Model. Journal of Chemical Education, 1974, 51, 367.

30. Bader R. F. W., MacDougall P. J., Lau C. D. H. Bonded and Nonbonded Charge Concentrations and their Relation to Molecular Geometry and Reactivity, Journal of the American Chemical Society, 1984, 106, 1594.

31. Bader R. F. W., Gillespie R. J., MacDougall P. J. A Physical Basis for the VSEPR Model of molecular Geometry, Journal of the American Chemical Society, 1988, 110, 7329.

32. Gillespie R. J., Bytheway I., Dewitte R. S., Bader R. F. W. Trigonal Bipyramidal and Related Molecules of the Main Group Elements. Investigation of apparent Exceptions to the VSEPR Model through the Analysis of the Laplacian of the Electron Density, Inorganic Chemistry, 1994, 33, 2115.

33. Bytheway I., Gillespie R. J., Tang T. H., Bader R. F. W. Core Distortions and Geometries of the Difluorides and Dihydrides of Ca, Sr, and Ba, Inorganic Chemistly, 1995, 34, 2407.

34. Gillespie R. J., Bytheway I., Ting-Hua T., Bader R. F. W. Geometry of the Fluorides, Oxofluorides, Hydrides, and Methanides of Vanadium (V), Chromium (VI), and Molybdenum (VI): Understanding the Geometry of Non-VSEPR Molecules in Terms of Core Distortion, Inorganic Chemistry, 1996, 35, 3954.

35. Gillespie R. J., Johnson S. A. Study of Bond Angles and Bond Lengths in Disiloxane and Related Molecules in Terms of the Topology of the Electron Density and Its Laplacian, Inorganic Chemistry, 1997, 36, 3031.

36. Gillespie R. J., Bytheway I., Robinson E. A. Bond Lengths and Bond Angles in Oxo, Hydroxo, and Alkoxo Molecules of Be, B, and C: A Close-Packed Nearly Ionic Model, Inorganic Chemistry, 1998, 37, 2811.

37. Gillespie R. J. The VSEPR Model Revisited, Chemical Society Reviews, 1992, 59.

38. Gillespie R. J. Multiple Bonds and the VSEPR Model, Journal of Chemical Education, 1992, 69, 116.

39. Gillespie R. J. Bonding without orbitals, Education in Chemistry, 1996, 33, 103. Traduzione italiana in: CnS-La chimica nella Scuola, 1997, 19, 2.

40. Gillespie R. J., Spencer J. N., Moog R. S. Demystifying Introductory Chemistry. Part 2. Bonding and Molecular Geometry without Orbitals – The electron Domain Model, Journal of Chemical Education, 1996, 73, 622.

 

 

Pubblicato originariamente su La Chimica nella Scuola, 1999, XXI (1), 8-12.  Riprodotto con l'autorizzazione del Prof. Pirluigi Riani, direttore di CnS.